Scuola Italiana

Scuola Italiana Alcide De Gasperi de La Serena

Una educacion integral, multicultural y trilingûe para un futuro exitoso

"Fate il vostro dovere a qualunque costo" - Alcide De Gasperi

Scuola Italiana

Noticias

CERIMONIA IN OMAGGIO PER IL 70° ANNIVERSARIO DELL’EMIGRAZIONE TRENTINA. Scuola Italiana “Alcide De Gasperi” di La Serena

12 de diciembre de 2021

Con il motto “Le nostre radici, il nostro futuro”, la comunità educativa della Scuola Italiana “Alcide De Gasperi” di  La Serena, riunita giovedì 18 dicembre 2021, ha offerto un emotivo omaggio al 70° anniversario dell’emigrazione trentina in Cile, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Dottor Mauro Battocchi, del Signor Giovanni Bonani, Presidente della Fondazione Educativa, del Signor Carlos Slomp Preside della Scuola, del Signor Franco Dalbosco, Console Onorario d’Italia, del Signor Gianfranco Rosso, Dirigente dell’Ufficio Scolastico in Cile, dei Direttori della Fondazione Educativa, Signora Caterina Pezzani, Signor Tullio Albasini, Signor Stefano Rizzoli, di una rappresentanza di Emigranti trentini, Direttivi del Centro dei Genitori e del Centro degli Studenti, ex alunni e alunni.

 La cerimonia si è aperta con l’intervento del signor Giovanni Bonani che, a nome della Scuola si é rivolto ai presenti e nelle sue significative parole ha detto:   “Settanta anni fa, a causa delle gravi conseguenze della guerra come la mancanza di opportunità e di lavoro, un gruppo di famiglie provenienti dalla bellissima regione di Trento, nel Nord Italia, ha  dovuto prendere la difficile decisione di lasciare la loro amata patria e iniziare una nuova vita in un luogo di cui non avevano maggiore conoscenza a molti  chilometri di distanza, in un continente diverso lasciandosi alle spalle la famiglia e gli amici: questo luogo si chiama Cile.  Dopo un lungo viaggio via mare, pieno di paure ma anche con tante illusioni, per la nuova vita che li attendeva, arrivArono al Porto di Coquimbo. All’inizio incontrArono grandi difficoltà, le case incompiute, i terreni non produttivi, alcuni dei quali con eccesso di acqua salata, altri semplicemente senza acqua. Nonostante ciò, tutte le difficoltà vennero superate con sforzo, lavoro, dedizione, pazienza e molta fede in Dio. Con il passare del tempo e sempre con la nostalgIa dellamato Trentino, dei suoi borghi, delle sue montagne e delle sue valli, si stabilIrono, costruendo nuove case e formando una nuova e grande famiglia nella loro seconda patria. Col passare del tempo, è nata l’esigenza per le nuove generazioni di imparare la lingua e conoscere le tradizioni italo-trentine come un testimonio prezioso della terra nativa, lamata Italia. E così, 40 anni dopo l’arrivo in Cile si è concretizzato il tanto atteso sogno di creare una Scuola, nata in una piccola casa presa in affitto nel centro della città di La Serena che poi con gli anni si è trasformata nel bellissimo centro educativo Scuola Italiana Alcide De Gasperi, in cui ci troviamo in questo momento, e che quest’anno compie trenta anni, una prestigiosa istituzione dove si sono formati molti bambini e giovani non solo della nostra colonia trentina ma dell‘intera regione di Coquimbo. Noi, figli e nipoti di questi emigranti, siamo orgogliosi dello sforzo e del sacrificio dei nostri nonni e genitori per migliorare se stessi e dare un senso a questa eroica epopea.

A continuazione i bambini e i ragazzi della Scuola Primaria, Secondaria di I e II Grado, guidati dalla signora Rosa Saéz, hanno presentato l’allegoria “Dal Trentino alla nostra Scuola, con amore e gratitudine”, una coreografia di teatro e ballo e in omaggio al 70° aniversario dell’emigrazione trentina in Cile, attraverso una brillante coreografia che ha commosso tutti i presenti, ricostruendo l’avventurosa esperienza del primo gruppo di trentini che nel 1951 lasciò le montagne natie in cerca di una nuova speranza e di una nuova vita.

La commovente epopea dell’emigrazione trentina é stata raccolta e descritta nell’anno 2009, nel Libro “Trentinos, largo surco hacia un destino” (Trentini, un lungo solco verso un destino)  dell’autore signor Rodrigo Irribaren Avilés che, quest’anno, ha preparato una seconda edizione, presentata durante la solenne ceremonia, che ha proposto il significativo testimonio di quattro nuove famiglie, Modena Cristoforetti, Paris Avalos, Pomarolli Michelon e Grazioli Menossi. Come testimonianza di affetto e gratitudine la Fondazione, per mano del suo Presidente signor Giovanni Bonani ha consegnato un esemplare del libro ad una nutrita rappresentanza delle  famiglie invitate per la speciale occasione.

Di seguito e In onore a Dante Alighieri, nell’anno delle celebrazioni del 700º anniversario della sua morte, è stato anche presentato «I nove cieli del paradiso» un lavoro multidisciplinare creato dagli studenti della Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado che hanno presentato i disegni dei 9 cieli del paradiso e declamato parte dei rispettivi canti, guidati dagli insegnanti di arte, la Professoressa Arantza Iturra, di linguaggio, la Prof.ssa Alejandra Chaparro e di italiano, il Prof. Federico Albertini.

Un momento speciale è stato quando il Dott. Mauro Battocchi, Ambasciatore d’Italia, e corregionale della comunità trentina residente a La Serena, ha espresso i suoi sentimenti e le sue sensazioni ai presenti sulla significativa allegoria in omaggio al 70° anniversario dell’emigrazione trentina:  poter infatti condividere le tradizioni, i suoni ed i sentimenti di nostalgia ma anche di forza e orgoglio per la comune origine, il Trentino, in una nuova terra così lontana era davvero speciale. Cogliendo poi tutti di sorpresa, l’Ambasciatore Dott, Battocchi ha invitato la signora Caterina Pezzani sul palcoscenico per comunicarle che il Presidente della Repubblica d’Italia, S.E. Sergio Mattarella le aveva accordato l’onorificenza di «Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica d’Italia», annuncio che ha emozionato tutti i presenti che con un applauso hanno espresso la loro grande allegria per il meritevole riconoscimento. La signora Caterina Pezzani con le parole rotte dall’emozione ha ringraziato l’Ambasciatore per il significativo riconoscimento dedicato a tutti i membri della collettività che l’hanno accompagnata durante questi anni .

Come espressione di stima e gratitudine il signor Giovanni Bonani e la signora Caterina Pezzani hanno consegnato al Dottor Mauro Battocchi un prezioso ossequio prodotte dell’artigianato locale insieme al libro “Trentinos, largo surco hacia un destino”.

 

Allo stesso modo,  il signor Franco Dalbosco e il signor Carlos Slomp hanno consegnato una targa e il libro al Prof. Gianfranco Rosso, Dirigente Scolastico dell’Ambasciata d’Italia in riconoscimento al suo costante lavoro di appoggio e stimolo alla missione della Scuola nell’ambito della lingua e della cultura italiana.

L’offerta formativa della nostra Scuola considera l’espressione musicale un contenuto culturale di base della crescita personale di ogni suo alunno, e nella significativa ceremonia le studentesse Francesca Nardon e Florencia Sepúlveda hanno presentato due canzoni famose del bel canto popolare italiano, guidate dal professore di musica signor Bruno Corio Gatica, “L’italiano” di Toto Cotugno e il “Tema” di Nuovo Cinema Paradiso di Ennio Morricone

Dopo le grandi emozioni vissute, tutti i presenti hanno partecipato ad un incontro conviviale nel Parco “Alcide De Gasperi” per celebrare questo memorabile giorno di festa per la nostra Comunità Educativa.

Allegoria: In Italia, prima della partenza.

Dal Trento al Porto di Genova.

La partenza dal Porto di Genova

Il viaggio in nave.

Il benvenuto con il ballo «La cueca» nel Porto di Coquimbo, Cile

 

 





Scuola Italiana
Alcide De Gasperi
La Serena